Palazzo Reale di Torino
Eventi
Didattica
Percorsi di visita
Didattica
Orari di visita
Didattica
Come arrivare
Didattica
Contatti
Didattica
Didattica
Didattica
Accesso riservato
Didattica

Secondo Piano Nobile

Appartamento dei Principi di Piemonte

INTRODUZIONE

PRIMA ANTICAMERA

SECONDA ANTICAMERA

TERZA ANTICAMERA

SALA DA BALLO

PICCOLA GALLERIA DEL BEAUMONT

SALA ROSSA VERSO IL CORTILE

SALA D'ANGOLO DI PASSAGGIO

SALA DEL BILIARDO

SALA ROSSA D'ANGOLO

SALA GIALLA VERSO IL GIARDINO

SALOTTO CINESE VERSO IL GIARDINO

SALA DELLE UDIENZE

SALOTTO DEL BALCONE

CAMERA DA LETTO DI UMBERTO II

STUDIO DI UMBERTO II

SALA D'ANGOLO PRESSO IL TERRAZZO (STUDIO)

SALA DELLE UDIENZE

SALA ROSSA

SALA BLU

CAMERA DA LETTO DI MARIA JOSE'

BOUDOIR DI MARIA JOSE'

SALA DA PRANZO

-
INTRODUZIONE
Nella seconda metà del Seicento l’appartamento era abitato da dame e damigelle di Madama Reale ed era decorato solo parzialmente. Nella prima metà del Settecento si instaurò la consuetudine di far decorare l’appartamento dal primo architetto di corte in occasione delle nozze dell’erede al trono da cui la denominazione di “appartamento nuziale”. Rispetto alle riqualificazioni operate da Filippo Juvarra per il futuro re di Sardegna Carlo Emanuele III. ormai impercettibili ad eccezione della superba Scala delle Forbici. restano tuttora visibili gli interventi approntati da Benedetto Alfieri per il matrimonio del Duca di Savoia Vittorio Amedeo III con Maria Antonia Ferdinanda di Borbone Spagna, celebrato nel 1750. Si tratta delle porzioni di edificio affacciate sul cortile interno e lungo i giardini, in seguito ulteriormente riadattate per accogliere l’appartamento nuziale di Carlo Emanuele IV e Maria Clotilde di Francia, sposi nel 1775. Per i Duchi d’Aosta Vittorio Emanuele I e Maria Teresa d’Amburgo Este, le cui nozze furono celebrate nel 1789. vennero riallestite le sale poste nel torrione nord-est fino ad allora utilizzate dalle Principesse. Si collocano in quest’ultima fase gli interventi curati dagli architetti Piacenza e Randoni, con la straordinaria collaborazione degli scultori Francesco Bolgiè e Giuseppe Maria Bonzanigo. L’ultimo intervento significativo fu quello diretto da Pelagio Palagi per l’erede al trono Vittorio Emanuele II, figlio di Carlo Alberto e futuro Re d’Italia, in previsione delle nozze con Maria Adelaide d’Amburgo, celebrate nel 1842. Lo stesso appartamento fu abitato tra il 1930 e il 1933 dalla Principessa Maria José del Belgio, sposa del Principe di Piemonte Umberto futuro re d’Italia nel maggio 1946: alle scelte decorative e alla committenza della coppia principesca si è ispirato il riallestimento del percorso di visita, ultimato nel 2007.

Secondo il cerimoniale delle corti europee seicentesche, la distribuzione degli ambienti riservati ai sovrani è impostata rispettando le rispettive funzioni pubbliche, individuate nelle prime tre anticamere, nelle sale di parata e di udienza, e quelle a carattere privato, dal gabinetto da lavoro o studio fino alla camera da letto. Gli sposi disponevano ciascuno di un appartamento con ingresso separato a partire dalla terza anticamera: l’uno maschile, esposto sul cortile e i giardini, l’altro femminile. orientato verso la piazza.

Link correlati

Torinosette

Autore: Daniela Biancolini Ultimo aggiornamento: 2/Lug/2014 10:26:46 PM
Palazzo Reale di Torino. Eventi, Mostre, Attivita', Storia, Orari di visita e Tour virtuale del Palazzo Reale di Torino - Piazzetta Reale 1,10122 - Torino T:+39 011 43.61.455
Soprintendenza per i Beni Architettonici e Paesaggistici per le Province di Torino, Asti, Cuneo, Biella e Vercelli | Credits
Palazzo Reale di Torino - Compagnia di San paolo - Associazione 'Amici di Palazzo Reale' Compagnia di Sanpaolo

Valid XHTML 1.0 Transitional CSS Valido!